Nuovo modello per le Dichiarazioni di Intento dal 01.03.2017

image_pdfimage_print

dichiarazione_intento

 

Gli esportatori abituali che intendono effettuare acquisti o importazioni senza applicazione dell’IVA saranno tenuti, a partire dal 01.03.2017, alla compilazione del nuovo modello per le dichiarazioni di intento.

Cosa è cambiato nel nuovo modello?

Con il nuovo modello l’esportatore abituale dovrà predeterminare per ciascun fornitore, già in fase di invio della dichiarazione, l’importo degli acquisti senza applicazione dell’IVA.

L’esportatore abituale nella compilazione del nuovo modello (qui allegato) potrà scegliere tra le due seguenti opzioni:

  • il campo 1, se la dichiarazione d’intento si riferisce ad una sola operazione, specificando il relativo importo;
  • il campo 2, se la dichiarazione d’intento si riferisce ad una o più operazioni fino a concorrenza dell’importo ivi indicato.

Non sarà, quindi, più possibile indicare il periodo di validità della dichiarazione senza la definizione di un “plafond” di acquisto.
Il fornitore oggetto della dichiarazione di intento potrà emettere fatture senza applicazione dell’IVA fino al raggiungimento dell’importo del “plafond” inserito nella dichiarazione.

Attenzione: il fornitore che riceve la dichiarazione di intento deve assicurarsi di non superare l’importo indicato nel modello, in caso di splafonamento la responsabilità ricadrà sullo stesso.

Qualora l’ammontare degli acquisti superi il valore indicato nella dichiarazione d’intento sarà necessario provvedere all’invio di una dichiarazione integrativa indicando l’ulteriore importo di acquisti senza applicazione dell’IVA.

E chi ha già inviato il vecchio modello?

Fino al 28.02.2017 è possibile utilizzare il vecchio modello per le dichiarazioni di intento, anche indicando il periodo di validità.
Le dichiarazioni inviate con il vecchio modello perdono, però, efficacia dal 01.03.2017 e sarà necessario procedere ad una nuova trasmissione delle stesse con l’indicazione dell’ammontare, stimato o puntuale, degli acquisti dell’anno.

 

Allegati:

 

Lo studio rimane a disposizione per eventuali chiarimenti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *